Ti aspetto e ti parlo piano

Vaneggiamenti di un padre in attesa

Season 4 Episode 4 – Ridere con le pattine ai piedi

Nicolo,

Aspetto il tuo primo sorriso, ed i milioni che ne seguiranno.

Dunque, ormai abbiamo visto che ti sei già bello che formato. Abbiam visto tutto, misurato scientificamente con macchinari complessi la circonferenza del tuo cranio, ogni singolo organo interno, la lunghezza del femore e omero. La Mamma non si addormenta la notte se prima non ha riguardato il filmino del tuo cuore che pulsa e ricontrollato i tuoi ventricoli cerebrali.

Perfetto, hai fatto un gran bel lavoro!! Ora ti chiediamo di concentrare queste ultime settimane su dei muscoletti che ti serviranno tantissimo. I muscoli del sorriso!

Leggo da internet che nella risata sono coinvolte sei coppie di muscoli: il levator anguli oris (solleva i lati della bocca), il levator labii superioris (solleva il labbro superiore), l’orbicularis oculi (agisce sull’orbita oculare), il risorius (un muscolo mandibolare che porta indietro le labbra), lo zygomaticus major e lo zygomaticus minor che sollevano gli zigomi.

Questi dai nomi impronunciabili sono dunque i 12 muscoli utilizzati quando si ride.

Ora, visto che mancano solo 53 giorni, dagli una bella ripassata perchè abbiamo in programma di farteli usare parecchio.

Vedi, il tuo babbo cerca spesso di fare la persona seria, ma con scarsi risultati.

Mi sento poco credibile ed un filo triste, mentre adoro ridere e far ridere. In fondo non dimenticare che ho conosciuto tua mamma facendo il clown di corsia all’Ospedale; entrambi indossando un naso rosso… tua mamma, in barba ad ogni norma igenica, sfrecciava per i reparti con delle “pattine”… glie le avevo date io!! Fu amore a prima vista, mi faceva ridere come un pazzo, dovevi vederla.

Il suo nome clown è “Caska“… un vero clown dottore come il nostro idolo Patch Adams. Io invece sono “Cecilio” ed entrambi facciamo parte di VIP Parma Onlus, un gruppo di volontari clown di corsia della città.

Se ci penso, passiamo molto tempo insieme ridendo io e quella pazza di tua mamma. Si ride delle piccole cose, e puntualmente si sdrammatizzano le difficoltà che prima o poi si incontrano.

Quindi ora concentrati sull’orbicularis oculi e compagnia cantante che altrimenti finiamo per sfigurarti in pre-adolescenza!

Annunci

2 commenti»

  Rachele wrote @

Che bel post! Io sto realizzando delle allegre pattine che a breve metterò in vendita. Questa storia è abbastanza allegra da finire sulla mia pagina facebook.
Auguri di cuore!

  Geom Alfieri wrote @

Grazie Rachele! In bocca al lupo con le tue pattine 😉


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: